Le novità di Homesite 5

Mi sembra opportuno iniziare questa News ricordando che Allaire è stata acquisita in toto da Macromedia. Il prodotto prende il nuovo nome di Macromedia Homesite 5

L’impatto grafico è stato cambiato molto poco, in modo da poter dare la possibilità, a chi già utilizza Homesite, di ritrovare facilmente tutto il necessario, così come per i menu e la configurazione.

Ecco le differenze dalla versione precedente:

  • Xhtml Support con specifiche ufficiali W3c
  • Nelle “resource windows” si è aggiunta un’altra “files window”, così da poter tenere sotto controllo due directory differenti e lavorare in entrambe contemporaneamente, muovendo o copiando file con un semplice drag’n’drop
  • Integrazione con altri prodotti Macromedia: dopo “Dreamweaver”, ora è possibile editare immagini passandole a “Fireworks”
  • In Option > Settings nascono due nuove opzioni molti interessanti: la prima riguarda la possibilità di utilizzare files remoti in FTP e la seconda di poter pianificare il backup dei files con intervalli di tempo dall’utente decisi
  • Nei Tag di “Include” con un semplice “right-click” si potrà scegliere di editare il file chiamato da tale tag

Altre specifiche sono spiegate al sito Macromedia, quelle citate mi sono sembrate le più interessanti.

Una cosa di cui non si fa cenno, ma positiva, è il poter riprendere tutti le configurazioni – dalle barre dagli strumenti agli “snippets” – configurati nella versione 4.5 se presente sulla vostra macchina.
In caso saltiate questa comoda opzione, vi basta andare in:
File > New > Custom > Initial Configuration Wizard e seguire le indicazioni.

Prestate attenzione: ho notato che tenere le versioni 4.5 e 5 di Homesite installate sulla macchina rallenta l’utilizzo della nuova versione, pertanto mi sento di consigliarvi l’installazione e configurazione di Macromedia Homesite 5 e poi di disinstallare la vecchia, così da ottenere migliori prestazioni.

Disponibile Visual Basic .Net

Microsoft ha rilasciato la versione definitiva del .Net Framework e di Visual Studio .Net.

Il download è per il momento riservato agli iscritti Msdn; gli altri dovranno aspettare
fino al 13 Febbraio 2002.

La nuova piattaforma di sviluppo consente lo sviluppo di applicazioni scritte in:

  • Visual Basic .NET. Un nuovo Visual Basic completamente orientato agli oggetti
  • Visual C# .NET. C++ sfrondato delle sue complessità
  • Visual C++ .NET. Un adattamento di C++ per consentire creazione di codice compatibile con il .Net Framework
  • Visual J# .NET. Attualmente in pre-release e non compatibile con la Java Virtual Machine. Realizzato per gli sviluppatore Java che volessero migrare al mondo Microsoft

Per evidenziare la potenza di Visual Basic .NET, FucinaWeb.com ha realizzato un corso gratuito di ASP.NET.

Va ricordato che il .Net Framework dispone comunque di un compilatore a riga di comando: potete scrivere il vostro codice .Net anche
senza disporre delle (ricche) funzionalità di Visual Studio .Net
.

Visual Studio .Net è disponibile in 3 versioni:

  • Professional. Consente la costruzione di applicazioni Windows, web e distribuite (ovvero Windows Forms, Web Services, Web Forms e Mobile Web Forms).
  • Enterprise. Migliora la versione Professional includendo pieno supporto per il lavoro in team con SourceSafe.
    Comprende Application Center Test, che consente di eseguire test di correttezza e carico di Web Services.
  • Architect. è il pacchetto più completo. Utilizza modelli di dati UML per generare automaticamente classi di codice partecipando
    a costruire un framework comune per lo sviluppo. Questa versione contiene anche un modulo Visio per la modellazione delle basi di dati

Visual Studio .Net comprende anche un wizard per l’upgrade da Visual Basic 6.

L’ambiente di sviluppo non può essere installato su Windows 95, 98 e Millenium, mentre le applicazioni
scritte con Visual Studio .Net possono girare in sistemi operativi da Windows 98 in poi.