La Rai e l’Information Architecture

Se dovessi spiegare a una corso cosa si intende per Information Architecture, chiederei ai corsisti come prima cosa di fare una ricerca in uno dei siti della Rai.

Quasi tutti i siti della Rai sono infatti perfetti esempi di come NON deve essere strutturato un sito.

Mi sono trovato la scorsa sera a cercare lo streaming di un programma che mi sono perso, e che mi sarebbe piaciuto rivedere.

Il mio primo problema è stato innanzitutto capire su quale sito del network Rai andare. Ce ne sono infatti almeno tre che ipoteticamente mi potevano andare bene:

Dopo qualche minuto di navigazione ho scartato il sito delle Teche perché sembra ospitare contenuti d’annata, non troppo recenti, o quasi.

Sono allora passato al sito di RaiClick, che sembrava promettere bene. Dico sembrava, perché in effetti sull’homepage c’era una puntata, quella più recente, del programma che mi interessava. Ho allora pensato di compiere una ricerca con il box in alto, che mi ha portato a una pagina completamente slegata dal sito, che cerca contenuti in tutto il network Rai.

Deluso, ho provato a muovermi con l’uso della navigazione contestuale al sito, cioè scorrendo le diverse categorie “Fiction”, “Spettacolo”, “Notizie”, che si trovano in alto nella pagina.

Ma anche qui, dopo averle passate (e ripassate) tutte, non c’era l’ombra della puntata di mio interesse.

Stessa sorte per il terzo sito, quello di Radio Media. Ma in qualche modo, dopo qualche tentativo con Google, sono finalmente riuscito nella mia impresa.

Che realizzare un’architettura di sito con molti contenuti non sia un’impresa facile è certo, ma che nei portali Rai sia stato fatto di tutto per rendere dura la vita al navigatore è un dato di fatto.

2 pensieri su “La Rai e l’Information Architecture

  1. Pingback: Taxonomy e Folksonomy -- Fucinaweb - Idee per forgiare siti

  2. Sono d’accordo.. anch’io una sera ho cercato delle puntate di un programma che mi sarebbe piaciuto rivedere e non c’è stato verso di trovarlo. La sensazione era quella di aggirarmi in un labirinto, ma senza il famoso “filo d’arianna”!

I commenti sono chiusi.