L’usabilità dei progetti opensource

Un intervento sul blog di Experientia lamenta, non senza ragione, le problematiche di usabilità di molti progetti opensource. L’occasione per farlo è un comunicato stampa in cui Canonical, lo sponsor commerciale di Ubuntu, cerca consulenti di usabilità per i propri progetti, competenza evidentemente non presente in azienda.

Fino a qualche anno fa potevamo giustificare le lacune in ambito di usabilità e più in generale di user experience del software opensource. Erano progetti nati grazie a team focalizzati sulla progettazione e stesura di codice e usati da una ristretta minoranza di early adopters.

Le aspettative oggi sono diverse. Alcuni prodotti, come Open Office e WordPress, si rivolgono a un pubblico variegato, grazie anche a procedure di installazione semplificate e, nel caso di prodotti web, a metodi di fruizione ASP.

In questo contesto le problematiche tecniche, seppur importanti, passano in secondo piano. Il software deve essere facile da utilizzare, ma ancora di più deve proporre interfacce coerenti. Risultati che non si raggiungono per caso o con un po’ di buon senso, ma con l’introduzione di specifiche competenze professionali. Competenze che difficilmente si prendono in prestito.

Mi stupisce perciò l’iniziativa del team di WordPress che apre due questionari pubblici su questioni legate alla nuova interfaccia di amministrazione:

  • l’attuale interfaccia è il risultato di una già recente riprogettazione che ha richiesto agli utenti un nuovo approccio all’uso del software. Frequenti variazioni, per quanto si propongano di migliorare il lavoro di tutti, sono destabilizzanti;
  • ridurre la progettazione di una interfaccia grafica a un questionario sminuisce l’importanza e il ruolo di questa disciplina, anche quando gran parte delle decisioni sembrano prese;
  • il questionario si prefigge di raccogliere 5000 risposte. Ma il design di interfaccia non è un approccio democratico, quanto una disciplina che si prefigge di capire quale è la soluzione migliore per il pubblico di riferimento. Sono convinto che la maggior parte dei partecipanti al sondaggio sono sviluppatori, non necessariamente il target principale a cui si rivolge WordPress.

Ho avuto modo di provare per qualche minuto una versione, sicuramente non definitiva, della futura amministrazione di WordPress e ne sono rimasto sconcertato, soprattutto nel notare che quasi ogni azione richiede, diversamente dall’attuale, un primo click per aprire il menù e un secondo per selezionare la voce voluta. Le premesse non mi sembrano delle migliori.

Qualcosa comunque sembra muoversi nel verso giusto, anche se a un maggiore livello di astrazione. Il team di Mozilla promuove Concept Series, un insieme di idee, wireframe e prototipi a partecipazione pubblica per definire la visione dei futuri prodotti opensource. Nulla a che vedere con l’usabilità, ma qualcosa che potrebbe aiutare a raccogliere attorno ai progetti opensource una comunità con competenze non solo tecniche, ma anche di design e di user experience.

Aggiornamento serale: il blog di WordPress presenta una prima versione dei wireframe realizzati per progettare la nuova interfaccia di amministrazione. Visto che non è facile trovare in rete documenti che riportano wireframe completi e documentati, vale sicuramente la pena darci un occhio.

Daniel Burka (Digg/Pownce) – Designing for web apps vs designing for the web

Daniel ha per prima cosa presentato le differenze tra due degli ultimi progetti che ha seguito, Digg e Pownce. Il primo ha 3 anni e 2 milioni di utenti, il secondo è una realtà più giovane ma in cui i gruppi sono molto affiatati.

Le persone si aspettano che Digg aumenti le funzionalità e rispetti le aspettative degli utenti, anche in termini di performance.

Ma come comportarsi al momento di introdurre delle modifiche che, potenzialmente, potrebbero essere accolte con critiche? Come, in particolare, il feedback degli utenti influenza lo sviluppo dei prodotti web?

Daniel presenta l’esempio del nuovo sistema di commenti di Digg. L’obiettivo è che potesse gestire dei thread di conversazione più complessi di quello attuale, che fosse più veloce, e che permettesse discussioni legate all’argomento di cui si parla.

Come introdurre modifiche al sistema:

  • tenere sotto controllo i precenti feedback sul sistema
  • conoscere la comunità per cui si sta lavorando
  • cercare di anticipare le aree di frizione
  • impiegare focus group e studi di usabilità
  • decidere quali parametri adottare per stabilire che la modifica ha generato successo nella direzione voluta

Come comportarsi quando gli utenti dicono che andava meglio prima? Gli utenti andrebbero preparati per tempo. Va tenuto conto che lamentarsi di cambiamenti è in ogni caso una reazione normale.

Anche il feedback da parti degli “esperti”è importante, soprattutto se volontariamente dedicano del tempo a motivare i problemi che hanno riscontrato.

Esiste poi del feedback implicito: osservare il comportamento degli utenti, usando delle metriche. Molti utenti sono infatti “muti”, non condividono le loro esperienze.

Come comportarsi in seguito al feedback degli utenti

  • passo 1: non reagire subito, prendere fiato, a parte correggere gli eventuali bug
  • passo 2: identificare temi di critica e idee da seguire
  • passo 3: coinvolgere la comunità
  • passo 4: iterare nuovamente dal primo passo

Ricordatevi anche che è impossibile accontentare tutti: non provateci neppure.

Questo intervento è stato scritto in live blogging dalla conferenza Future of Web Apps di Londra, il 3 e 4 Ottobre 2007. Leggi tutti gli interventi di Fucinaweb dal FOWA

Un commento fa un blog?

C’è chi grida al miracolo. La gente si sta riversando nelle piazze per festeggiare l’apertura ai commenti del blog di Google Italia.

Ma c’è davvero qualcosa di cui gioire, per un blog che sembra la brutta copia di quelli della casa madre e in cui tutto si percepisce, fuorché la geniunità di chi scrive gli interventi?